Volli, sempre volli, fortissimamente volli (Studiando per diventare una Scrapper)

Vi ho mai raccontato come sono entrata nel DT di Scrappando?

participando alla DT call, ovviamente, ma seguendo poi un iter un po’ particolare sul quale non vi tedio.

Non bisognava presentare nessun lavoro, ma solo scrivere una lettera di presentazione nella quale si doveva dire perché si voleva entrare in questo DT.

Io ero fresca da Formazione Creativa e scrissi una mail dove dicevo a Patty che non poteva non prendermi perché dopo quei giorni a Prato io non ero più la stessa (dal punto di vista creativo, ovviamente) e quindi: lei aveva fatto il danno e lei doveva porvi rimedio

Questo in soldoni… nella pratica posso dirvi che entrare a far parte di questa squadra ha significato tanto per me.

Qui si è formato quello che per me è il Gotha italiano. Qui si poteva capire cosa era l’eleganza, la ricerca… in ambito Scrap… poterne fare parte e’ stato uno delle cose più belle che mi sia capitata da quando pratico questo hobby.

Il sogno della mia vita però era imparare a fare album e LO… perché questo è Scrap. Raccontare con le immagini e con le decorazioni delle emozioni. Fare diventare questo gioco qualcosa che avesse un senso, al di là del mi piace farlo.!

Io sono una Card maker, fiera di esserlo e convinta che lo stamping sia una una cosa molto seria e molto alta. Ma questa dimensione propriamente scrapposa mi mancava… mi manca. Quale migliore opportunità allora di imparare in questo DT? Poi però mi sono persa via e dispiace molto.

Però la vita e le cose che accadono portano a sentire come importanti cose che in genere accantoniamo ed allora eccomi qui… a riprovarci a fare la Scrapper vera..

Il tutto è stato scatenato da una constatazione di mia sorella Arianna (nella foto) “Non ho foto di Max (il mio gatto)in casa’” e da qui l’idea di Scrappergliene una.

Una importante.

Magari una del giorno in cui si sono incontrati per la prima volta.

Da qui però un problema. Io non so scrappare!

Ed ho iniziato così a documentarmi sul serio. E questo qua sopra è il mio risultato finale.

Vi racconto il mio iter.

Per prima cosa mi sono documentata in giro e ho chiesto ad una cara amica che è anche una Scrapper che stimo molto quale è il suo processo mentale.

Perché credo davvero che al di là della libertà indiscussa di espressione un processo mentale sia d’obbligo. Ed ho capito che ci sono degli elementi da cui partire.

Prima cosa bisogna scegliere la foto.

La foto avrà dei colori e se non si hanno carte che ben si sposano con questi oppure si hanno colori che nulla hanno a che fare con la storia che si vuole raccontare allora bisogna stampare in bianco e nero. Io volevo raccontare di Max, che è un micio con la pelliccia bianca sporcata di crema e gli occhi azzurri … e mia sorella indossava una giacca fuxia. E quindi ho stampato in b/n.

Poi ho pensato che le carte che avevo erano troppo impegnative per me è che non ero in grado di usarle e così ho optato per un foglio di carta acquerello e ho giocato con i miei DISTRESS reinkers (si insomma… avevo bisogno di un elemento consolatorio che conoscessi bene mentre cercavo di mettere insieme elementi nuovi per me).

Ho scelti fra i miei timbri di KESI ART (fra l’altro sono in sconto sullo shop… vi lascio qui il link, fateci un salto perché gli sconti sono davvero alti e ne vale la pena) delle scritte e degli sfondi che ho timbrato con l’Archival grigio e con quello acquamarina.

ho poi scelto il mio titolo che probabilmente per dare un senso più armonico alla composizione avrei dovuto timbrare più in basso.

ho attaccato la mia foto usando del biadesivo spessorato in modo che ci fosse più dinamismo ed ho usato carte che richiamassero là palette che avevo scelto di usare.

il journaling invece riprende il senso sia dell’incontro di questa foto, sia il significato che questo lo ha per me… (del resto verrà appesa in quella che è la mia stanza a casa sua, quindi qualcosa anche a me deve raccontare).

Questa tagghina presa poi da questo timbro di Karine è diventata la mia immagine preferita è la sto mettendo un po’ ovunque e qui non poteva certo mancare…

Io vi ho raccontato il mio modo… e voi… come scrappare?quale è il vostro processo?

Resta fermo che ho appena iniziato e che d’ora in poi io studierò davvero e vi tedierò all’inverosimile😂😂😂😂

Grazie per essere passati di qua e buona conclusione di vacanze a tutti

Baci

Mir

Ps Per Tusaichi… GRAZIE!!!❤

2 commenti

Archiviato in Senza categoria

2 risposte a “Volli, sempre volli, fortissimamente volli (Studiando per diventare una Scrapper)

  1. Elisabetta

    Mi piace molto questo tuo processo mentale, le tue scelte, il tuo risultato. Non credo sia poi così diverso dalle scelte che si possono fare per colorare e rendere vivo un timbro nel cardmaking: sei maestra lì, sei maestra qui.

    Mi piace

  2. Arianna

    Fustellino santo!!! ❤️❤️❤️❤️

    Mi piace

Lascia un commento / Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...