Archivi del mese: marzo 2017

Corso di Marinella Monte: minialbum Dream

Domenica 28 Aprile vi aspettiamo a San Vito di Antivole (Treviso) per un corso di scrapbooking con Marinella Monte.

Realizzeremo un mini album allegro e colorato utilizzando le nuovissime collezioni della Pinkfresh Studio.

I posti sono limitati e la scadenza per le iscrizioni e il pagamento è  l’8 aprile.

Modalità di Pagamento

Effettuare il pagamento di euro 55 (comprensivo del favoloso kit) direttamente a Scrappando tramite bonifico o poste pay:
BONIFICO

Carta e Ricordi di Patrizia Manni Via L. Ariosto 28 – 59100 – Prato

Numero di c/c: 400466

cod.IBAN IT44B0867321502075000400466

Presso: Chianti Banca Via Valentini Prato

postepay nr: 4023600907944799

Intestata a: Patrizia Manni

Cod. Fiscale: MNNPRZ66A49D612O

Importantissimo: nella causale indicare “pagamento per corso Marinella Monte” ed indicare il nominativo della persona (o più di una eventualmente) che parteciperà.
Inviare e-mail con la conferma del pagamento anche a: osmieribaby@yahoo.it

Sarà presente anche lo shop Scrappando (Carta e Ricordi) di Patrizia Manni per rendere la giornata ancora più speciale!

Correte che i posti rimasti sono pochissimi

Ciao

Salva

Lascia un commento

Archiviato in Corsi, Mini album

Un Colorato Taccuino

Continua la saga del riciclo dei pezzi di legno, anzi per la precisione si tratta di pezzi di compensato, per cui per il post di oggi ho pensato di mostrarvi un taccuino che ho realizzato con una colorazione fatta direttamente sul legno.

Quando opto per questo tipo di colorazione preferisco usare i pastelli. Adoro l’effetto che una superficie porosa come questa regala alla texture del colore.

taccuino-1

Ho trattato tutta l’area con il gesso, l’ho lasciata asciugare e poi con gli stencil mi sono costruita tutto lo sfondo. Quando ero alle superiori amavo disegnare sulla mia smemoranda, sfondi che ricordassero dei murales. Ho voluto riprovarci anche su questo taccuino.

taccuino

Le ombre sulle zone realizzate con i distress sono ottenute sempre con i pastelli: questo tipo di colori sono davvero semplici da usare e si prestano a molteplici effetti. Un paio di spirali, tanti fogli bianchi all’interno ed il mio taccuino è pronto 😀 .

taccuino-2

Alla prossima

antonella

2 commenti

Archiviato in Mixed Media, Progetti Vari, Team Creativo

DISTRESS STAIN

Nella famiglia dei DISTRESS gli Stain fanno sempre la parte dei parenti poveri, ci avete fatto caso? No? Beh, guardate nella vostra collezione di DISTRESS, quanti Stain avete? Infatti…

Allora permettetemi di presentarveli per bene, perché io li adoro… credetemi: SONO UNICI.

Sedetevi comodi che ho un sacco di foto😊

Allora, gli Stain sono innanzitutto Distress e quindi hanno le caratteristiche proprie di tutti i distress: si sfumano fra loro benissimo, reagiscono all’acqua e servono anche per timbrare.

Sono stati presentati al CHA del 2011, quando nella linea dei distress c’erano solo i pad e i reinker. In cosa si distinguono da questi? Sono la loro versione fluida. Hanno la stessa intensità di colore, ma sono più fluidi. Cambia la concentrazione insomma…


Vengono venduti in bottigliette di plastica e l’inchiostro esce da una spugnetta che permette di colorare in breve tempo è con poca fatica e spreco larghe superfici.

Come tutti i Distress gli Stain vanno utilizzati su superfici porose e sono TRASLUCENTI. Cosa significa? Semplicemente Che non sono coprenti😊 

Come si usano?  In mille modi più uno👯👯👯👯

Possiamo metterli sul craft sheet e poi raccoglierli con la carta che vogliamo decorare…

Oppure possiamo usarli direttamente sulla carta dopo averla bagnata..

Gli effetti sono molto diversi ed ugualmente belli.

Nel primo caso  abbiamo un effetto maggiormente sfumato, nel secondo caso più acquarellato.

Potete poi buttarci sopra dell’acqua. Guardate come reagiscono. Nel secondo caso si vedono di più, ma anche il primo non mi dispiace affatto.

Gli Stain sono presenti in tutti i colori della palette dei Distress, MA … parliamo un attimo del più bello ed il più necessario degli Stain. Il PICKET FENCE. 

Il Picket Fence (il bianco) è l’unico Stain che deve essere ben shakerato prima dell’uso perché al suo interno c’è del pigmento che permette di dare un effetto opaco. Essendo comunque traslucido sarà come mettere sopra quello che vogliamo decorare una sorta di patina. Quando lo usiamo all’inizio sembra davvero molto bianco, ma una volta asciugato l’effetto sarà gessoso e vedrete tranquillamente il vostro colore sotto, ma come attraverso un velo. In genere io lo uso quando non mi piacciono i colori che ho usato, quando l’effetto è troppo forte e vibrante… ad esempio… 


Oppure, guardate come è bello questo effetto marmorizzato. Si ottiene mettendo il picket fence sul craft sheet insieme ad altri colori. Nel mix il risultato è… come dire in italiano senza scomodare l’accademia della Crusca.. si può dire LATTOSO?😂😂😂
Non sembra un cielo dove sta per succedere qualcosa?

Ma ancora… usiamo un’altra tag … se uso un pezzetto di carta di avanzo per ritagliare il profilo delle nuvole…

… guardate cosa si può fare con un blending tool…

E basta un pennello vecchio ed ecco che inizia a nevicare 🙂

Oppure con uno stencil… ed ecco che improvvisamente il cielo diventa stellato. Come mi piace!!!!!!

Ma con gli Stain possiamo anche timbrare… basta metterli direttamente sul timbro senza avere paura che il cuscinetto di un colore si contamini con un altro colore… 

Guardate che bella timbrata… vedete? I colori si sfumano perfettamente fra di loro. 


A me personalmente piace un sacco anche così, ma andiamo oltre… e guardate che magia… basta un pennellino bagnato et voilá … siamo tutti acquarellisti!!!😊😊😊


Insomma… tanti tanti tanti motivi per voler giocare con questi splendidi inchiostri.

Io vi ho mostrato i miei. Aspetto di vedere i vostri;)

A presto 

Mir

4 commenti

Archiviato in Senza categoria

Portafoto per Comunione

Ciao a tutti,

oggi vi mostro dei portafoto ricordo realizzati per la Prima Comunione di mia figlia.

La Prima Comunione sarà domenica prossima, ma mi piaceva l’idea di poter dare subito una foto ricordo dell’evento, così ho realizzato un servizio fotografico pre-cerimonia e ho scelto uno scatto da regalare a nonni e zii.

Per realizzare il fiocchetto, ho usato questo Bow Tutorial scovato su Pinterest.

La struttura del portafoto è quella della Easel Card (sul web trovate tantissimi tutorial su come realizzarla)

Spero vi sia piaciuto, alla prossima.

Ciao

2 commenti

Archiviato in Cards, Progetti Vari

Card primaverile

Buongiorno a tutti!!

Per il post di oggi ho pensato di proporvi una card di auguri con tanti fiori… dal sapore decisamente primaverile.

La fascia centrale e la scritta tanti auguri l’ho disegnata e tagliata con la Cameo

Quasi nessun abbellimento (perchè la patterned riempie già da sola) se non dei fiori ritagliati dalla medesima patterned e applicati con il biadesivo spessorato e tre enamel dots

E infine non poteva mancare una busta realizzata ad hoc con la evenlope punch board

decorata con due pezzetti di patterned e qualche fiorelino e chiusa da un twine

Spero il mio progetto vi sia piaciuto 🙂

Alla prossima

Sabina

https://static.inlinkz.com/ppr.js

1 Commento

Archiviato in Cards, Team Creativo